Il metodo Flow

metodo flow

Tutti gli atleti conoscono la frustrante differenza tra la resa in allenamento e quella in gara.

Proprio quando arriva il momento culminante per cui ti sei tanto faticosamente preparato, subisci una penosa défiance, anziché esprimerti al tuo meglio. Esiste un metodo specifico chiamato “flow”, termine inglese traducibile con “flusso”, ed è una tecnica usata nel coaching proprio per conquistare la capacità di rendere al massimo sia in allenamento che in gara.

Perché perdi la capacità di rendere al meglio

Quando provi emozioni negative, come l’ansia e la paura, il tuo sistema endocrino produce cortisolo e ossitocina, che fanno contrarre ed irrigidire il tuo corpo. La tensione muscolare fa chiudere la cassa toracica impedendo ai polmoni di espandersi correttamente. Il respiro diventa superficiale e difficoltoso, spesso interrotto da una serie di apnee. Meno respirazione significa che il sangue viene ossigenato di meno. Il cervello, che è l’organo che in assoluto consuma più ossigeno, è il primo a risentirne, perdendo lucidità, concentrazione e precisione. La muscolatura contratta inibisce la fluidità dei movimenti e la performace risulta deludente.

Che cos’è e cosa fa il metodo Flow

Si tratta sostanzialmente di imparare a respirare in modo consapevole e mirato, interrompendo il circuito depotenziante. La corretta ossigenazione viene così immediatamente ripristinata, insieme alla lucidità ed alla concentrazione mentale. Il corpo abbandona la tensione muscolare, tornando fluido.
Il cervello, inoltre, interpreta questa respirazione come un “cessato allarme”e ordina la produzione di ormoni utili e potenzianti, come la serotonina e le endorfine, che, unite all’adrenalina della gara, ti mantengono reattivo, veloce e preciso.
Con un po’ di teoria impari anche come gestire le emozioni, in modo da impedire al circuito depotenziante di attivarsi. Si tratta di semplici tecniche pratiche di riprogrammazione mentale per farti mantenere la mente libera e l’energia focalizzata sulla performance. Trucchi mentali per fare in modo che ogni tua energia sia risparmiata ed usata solo per raggiungere l’obiettivo.
Un esempio elementare? Trasformare i pensieri basati sul divieto in pensieri basati sull’affermazione, perché la mente non codifica il “non”.
Non ci credi?
Se ti invito ad immaginare le tue gambe ma a non pensare assolutamente ai piedi… ti accorgi di aver pensato, almeno per un attimo, proprio ai piedi, e poi di averli escluso dalla mente, ma ogni tanto ci sei ritornato, tanto per essere sicuro di non sbagliare. Se, invece, ti invito ad immaginare le anche, le cosce, le ginocchia, i polpacci e le caviglie, il tuo cervello non si distoglie da queste direttive e, quindi, non si sofferma sui piedi.

Il coaching stesso, inteso in senso moderno, è nato proprio in ambito sportivo e nello specifico dal tennis. “The Inner Game of Tennis” di Tim Gallwey è stato il primo libro sportivo a non parlare di sport ma di “gioco interiore”, cioè dell’importanza e di come superare gli ostacoli che ogni tennista incontra nella sua mente.

«L’avversario nella nostra mente è molto più forte di quello dall’altra parte della rete»

(Tim Gallwey)

Gallwey applicò poi il metodo e gli strumenti del suo “inner game” anche ad altri sport e alle aziende. Questa considerazione non riguarda, infatti, solo gli sport particolarmente mentali, come il nuoto e il tennis, perché in realtà l’effettiva differenza tra i migliori del mondo e gli altri professionisti, in ogni ambito sportivo, non è tecnica e neanche tattica o di forma fisica: è mentale. Ed ecco il motivo per cui lavorano fortemente proprio su questo aspetto.


Il nostro evento sul Flow:

metodo flow

Visita la pagina Eventi per vedere tutti gli appuntamenti in programma.


Accademia di Life & Relationship Coaching

Direzione didattica: Maurizio Lambardi e Gloria di Capua, Coach professionisti riconosciuti da AICP e ICF

Sede dei corsi: Tennis Club di Castiglioncello – Via della Pineta, 7 – 57016 Castiglioncello (LI) – Sala Conferenze

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.